De Rosa Srl, l’ultimo nostro lavoro online!

Napoliweb conferma il suo dinamismo ed eclettismo in fatto di soluzioni per il web e per le aziende: l’ultima realizzazione messa online riguarda un importante cliente del settore edilizia, termoidraulica e ferramenta. Parliamo della De Rosa Srl, aziende con sede a Quarto (NA) che in uno spazio espositivo di 30mila metri quadri si propone come risorsa sia per i privati che per i professionisti del settore.

Il nostro staff ha messo tutte le competenze al servizio di un nome così prestigioso e con una lunga storia alle spalle, per realizzare una piattaforma in grado di assorbire tutta la vastità del catalogo, per esporla nella maniera più appropriata tramite un sistema agile e di semplice consultazione.
Ad una chiara schematizzazione delle categorie già a partire dalla homepage si affianca una sezione dedicata alle news periodiche, uno spazio che la De Rosa sfrutterà per fornire ai visitatori del sito informazioni sulle attività, sulle promozioni in corso, su nuovi prodotti.

In definitiva si tratta di una piattaforma agile e veloce, dalla grafica molto moderna e studiata appositamente per soddisfare le esigenze di acquisto sia dei privati che dei professionisti del settore, grazie anche ad una procedura di acquisto estremamente snella.

Share and Enjoy

Nuove regole UE su resi e rimborsi per l’e-commerce

 

Avete per caso sentito parlare di una Direttiva Europea alla quale tutto il commercio elettronico ha recentemente dovuto uniformarsi? Probabilmente no, eppure è andata in vigore già dallo scorso 13 giugno e riguarda i tempi per la restituzione della merce, aumentati da 10 a 14 giorni per acquisti online di beni di valore superiore a 50 euro: questo per uniformare le procedure a quelle in vigore in tutti i paesi della UE.
A queste due settimane entro le quali il cliente deve comunicare l’intenzione di effettuare il reso si aggiungono altri 14 giorni entro i quali rispedire la merce.  Altra importante variazione riguarda i tempi per il rimborso, che si riducono dai precedenti 30 giorni ad appena 14.

Cresce così la tutela del consumatore, il quale ha più tempo per ripensarci e viene rimborsato in tempi più rapidi; trattandosi di un giro d’affari da 14 miliardi di euro solo in Italia, e che coinvolge oltre 16 milioni di nostri consumatori online, ci si rende conto di quanto fosse importante dare ampio risalto alla notizia.

Inoltre, il consumatore ha adesso anche il diritto di restituire un prodotto che abbia parzialmente danneggiato, ricevendo un rimborso parziale. Le vecchie regolamentazioni non prevedevano questa procedura, e tra l’altro se il venditore non avrà preventivamente informato l’acquirente in fase di acquisto di questa opzione, quest’ultimo potrà anche in questo caso ricevere un rimborso totale.
Molto salate le sanzioni previste per chi dovesse sforare i tempi o non rispettare le condizioni, a partire da 5.000 euro!

Siamo certi che l’adeguamento delle condizioni di vendita sui siti di e-commerce è stato effettuato da tutti per tempo, ma sarebbe stata auspicabile una maggiore pubblicità di questa migliore tutela dei diritti del consumatore!

Share and Enjoy

AmazonFresh ti porta la spesa a casa

La versatilità del colosso Amazon sembra non conoscere confini: partito a metà degli anni ’90 come vero pioniere delle librerie online, ha conosciuto nel tempo un’estensione non solo territoriale, ma soprattutto relativa alle categorie merceologiche trattate, le quali hanno via via incluso anche musica in formato CD, i DVD ed i BluRay, fino ad arrivare agli scaffali digitali dai quali scaricare MP3, e-book ed audiolibri. Il tutto senza dimenticare le redditizie sezioni dedicate all’oggettistica, ai gadget, al merchandising e persino ad accessori moda.

In via sperimentale in sole due città degli Stati Uniti, Seattle e Los Angeles, è partito nel mese di giugno il servizio AmazonFresh, attraverso il quale si possono acquistare online e ricevere a casa a tempi di record prodotti freschi come frutta e verdura ma non solo, perché vengono offerti anche altri cibi confezionati o precotti.
Entro l’anno AmazonFresh verrà sperimentato anche a San Francisco, e poi, sulla scorta dei risultati, si deciderà se ampliare il progetto agli altri 20 mercati previsti nel 2014.

L’Italia non dovrebbe essere raggiunta prima di 2 o 3 anni da questo progetto, che al di là dei discorsi legati alla concorrenza ad esempio con la GDO, che potrebbe avere difficoltà nel fronteggiare i prezzi abitualmente bassi di Amazon, suscita altri tipi di perplessità.
Parliamo di concetti abbastanza cari alle famiglie italiane come la territorialità degli alimenti, che potrebbe non essere garantita, e dello stesso controllo qualità sui cibi.

Share and Enjoy

Qualche trucco per vendere online

novembre 2, 2012 da · Lascia un commento
Articolo in: Articoli, E-commerce 

Inserisci nel carrello“: questa è una frase che durante una giornata trascorsa a navigare in rete possiamo incontrare in numerose occasioni, perchè ormai l’e-commerce è diventato una componente essenziale del commercio in senso stretto.
Esistono delle precise strategie da non sottovalutare e chi vende online deve sempre tenerle ben presenti, per non trascurare alcuni aspetti che sono più importanti di altri, ed una loro analisi svela senza dubbio delle sorprese.

La differenza tra un carrello solo riempito ed uno portato invece al check-out, con pagamento eseguito, la fa in primo luogo la credibilità del marchio: per chi acquista, affidarsi ad un marchio noto è molto spesso la priorità assoluta, e questa spinta all’acquisto va di pari passo con quella di un cliente fidelizzato, convinto ad acquistare nuovamente su un sito già sperimentato con buoni esiti in precedenza. Tale risultato è ottenibile tramite la comunicazione mirata, magari sfruttando le newsletter.
Proporre tanti, tantissimi articoli, ben suddivisi nelle loro categorie di appartenenza: è l’ampiezza della gamma in vetrina un altro fattore fondamentale, che si colloca addirittura al di sopra, nelle prefereze, rispetto alle politiche di prezzo più aggressive.

Riepilogando, i fattori chiave sono quelli a cui non si pensa in prima istanza, e va tenuto conto di questo: bisogna lavorare su un marchio che sia affidabile, credibile e professionale, con un’offerta il più possibile variegata. Sconti e promozioni sono importanti, certo, ma vengono immediatamente dopo nella scala dei valori.

Share and Enjoy

Finalmente online il nuovo sito di Dieci Decimi!

Napoliweb ha recentemente messo online la nuova versione del sito di uno dei suoi clienti più affezionati: parliamo di Dieci Decimi a Fuorigrotta, il negozio specializzato nella vendita di occhiali da vista, occhiali da sole ed altri accessori dedicati al mondo dell’ottica.

Nella sua nuova veste grafica il sito di e-commerce colpisce per il suo impatto visivo, ma le innovazioni non si limitano all’aspetto grafico: è stato infatti posizionato il motore del sito, rendendo adessole ricerche molto più semplici e rapide grazie all’aggiunta di numerosi filtri di ricerca, che rendono ancora più semplice trovare in pochissimi click esattamente l’articolo di vostro interesse!

La facilità di navigazione ne risulta così ulteriormente agevolata, così come la sicurezza nell’inserimento degli ordini.
Un’altra novità verrà presto aggiunta al sito, perchè è in arrivo la versione in inglese!

Share and Enjoy

Il tablet è una risorsa per chi vende online

gennaio 26, 2012 da · Lascia un commento
Articolo in: Articoli, E-commerce, Ultime News 

Gli ultimi mesi sono stati caratterizzati dall’affermazione di uno strumento come il tablet, vera rivoluzione nel mondo digitale che nasconde un importante retroscena che di certo farà gola a chi è attivamente coinvolto nell’ e-commerce: si è scoperto che gli utilizzatori di tablet sono più propensi, rispetto ai navigatori “tradizionali”, agli acquisti online.
Questo perchè molto spesso il proprietario di un tablet oltre a poter trascorrere più tempo in rete – e ad essere tendenzialmente più agiato della media – è per sua natura più orientato alla piena fruizione delle innovazioni teconologiche, e non ha quindi barriere o preconcetti nei confronti dell’e-commerce.

Proprio per assecondare questa tendenza i rivenditori stanno adattando i propri siti web con versioni tablet-friendly e nuove strategie di mercato che naturalmente non riguardano solo l’iPad (vero dominatore del segmento) ma anche Android, BlackBerry Playbook e l’ultimo arrivato, il Kindle Fire.
L’interfaccia va chiaramente rielaborata del tutto, anche perchè in molti casi è necessario abbandonare la tecnologia Flash, ma anche il sistema del punta&clicca deve essere rivisto con cataloghi facilmente scorribili in interfaccia touchscreen.
Il futuro dell’e-commerce e della new economy passa necessariamente anche dai tablet!

Share and Enjoy

Spedizioni gratuite: obiettivo possibile per l’e-commerce

gennaio 13, 2012 da · Lascia un commento
Articolo in: Articoli, E-commerce, Ultime News 

La Single European Payment Area è uno dei progetti al vaglio dell’Agenda Digitale: si tratta di uno strumento finanziario che dovrà tutelare i cittadini europei durante e dopo i loro acquisti online, attraverso tutta una serie di misure che vedremo nel dettaglio.

Un simile impegno è reso necessario dalla vertiginosa crescita registrata nell’ultimo periodo dall’ e-commerce, settore nel quale l’Europa sta pagando fortemente la concorrenza cinese, che con 315 miliardi di dollari in transazioni si candida a leader assoluto.
Per risollevare quindi l’economia virtuale europea dallo scarso 3,4% ad almeno un 15%, visto come valore ottimale per l’e-commerce del vecchio continente, la mossa principale è quella di tagliare i costi.

L’acquirente deve essere invogliato dalla riduzione – quando non dall’azzeramento – delle spese di spedizione, vera palla al piede per chi fa acquisti online, ma anche un’estensione del diritto di recesso è fondamentale per far sentire chi spende in rete i proprio soldi ancora più tutelato.
Altri dati accessori da includere in questa zona finanziaria virtuale, denominata come abbiamo visto Single European Payment Area, sono un limite massimo di 30 giorni per le spedizioni, insieme a dettagliate informazioni sull’attendibilità del venditore.
Già molti retailer online hanno intrapreso la strada delle spedizioni gratuite al di sopra di determinate cifre, e sembra senza dubbio questa la strategia vincente verso la crescita del fatturato da e-commerce.

Share and Enjoy

Verso un e-commerce sempre più sicuro

Uno dei principali settori della cosiddetta “new economy” è senza dubbio da considerarsi l’e-commerce, la cui crescita vertiginosa, favorita anche dall’introduzione di strumenti di pagamento veloci e sicuri come Paypal o le carte prepagate, non accenna minimamente a ridursi.
Tuttavia, come ogni reparto con elevato bacino di utenza, anche per l’e-commerce è inevitabile, per ragioni statistiche di grandi numeri, l’insorgere di problematiche successive all’acquisto che generano controversie con i commercianti. Anche questa incertezza sull’esito delle compravendite va livellata al minimo, perchè acquistare sul web deve garantire una sicurezza persino maggiore dell’acquisto in un tradizionale negozio, dal momento che è di gran lunga ridotta la possibilità di una interfaccia “umana” di fronte al sorgere di inconvenienti.
Chi si occupa di realizzazione e-commerce deve tener conto anche di questi fattori, ed è per questo motivo che in loro aiuto così come in aiuto dei consumatori la Commissione Europea è attiva per la delibera della “Alternative Dispute Resolution (ADR), una direttiva che avrà come obiettivo principale la semplificazione delle controversie, le quali in base ai principi contenuti nella direttiva stessa dovranno essere veloci, facili ed economiche, con regole standard che assicurino una risoluzione in un massimo di 30 giorni.
Il tutto garantirà anche un risparmio sostanzioso, nell’ordine dei 22 miliardi di euro l’anno, fornirà sostegno concreto agli acquirenti in difficoltà, e sarà potenzialmente anche un volano di ulteriore crescita per l’e-commerce, dal momento che chi temeva di essere poco tutelato potrà invece essere invogliato ad intraprendere la strada dello shopping online.
Tale piattaforma unica per la risoluzione delle controversie dovrebbe vedere la luce nel 2015, anche se a quanto pare il Parlamento Europeo sta spingendo per anticiparne l’entrata in vigore al 2012.

Share and Enjoy

La ripresa trainata dal Web

ottobre 13, 2010 da · Lascia un commento
Articolo in: Articoli, Ultime News 

Le piccole e medie imprese, ormai affaticate e stanche dallo sforzo economico e strategico profuso per contrastare gli effetti negativi della crisi economica, rivolgono adesso tutta la loro attenzione alle nuove tecnologie, ed in particolare al supporto che Internet può dare per aiutare le imprese ad uscire agevolmente da un periodo non certo brillante.

I maggiori esperti del settore e gli analisti aziendali sono concordi nel considerare il mondo del Web come il “più potente strumento di intermediazione della domanda e dell’offerta”.
D’altronde i semplici dati statistici ci dicono che ormai ben 1 miliardo e 200 milioni di persone al mondo sono connessi ad internet, e addirittura, guardando in casa nostra, l’80% degli italiani con più di 35 anni considera internet la prima fonte di informazione. Nessun altro paese in Europa ha un indice così alto.

E’ su internet che si trovano le maggiori opportunità di trovare clienti e quindi di vendere, ma per fare ciò è necessario che le aziende capiscano questa situazione e ne sfruttino tutte le potenzialità.  Stando infatti ai dati comparativi internazionali le Pmi italiane non eccellono certo per capacità di utilizzo delle nuove tecnologie.

Il modo migliore per sfruttare al meglio questi dati è quello di investire e appoggiarsi a professionisti del settore, sia per conoscere le potenzialità online del loro business, sia per farsi trovare nel minor tempo possibile sui motori di ricerca.
In quest’ottica, lavori come siti di e-commerce e il relativo posizionamento sui motori di ricerca diventano dei must per contrastare la crisi, e avanzare nel miglior modo possibile verso una crescita graduale, locale e internazionale.

Fonte: Nova de il Sole 24 Ore di Giovedì 2 Settembre 2010

Share and Enjoy

E-commerce: la soluzione della Napoliweb per il commercio elettronico

gennaio 14, 2010 da · Lascia un commento
Articolo in: E-commerce, Ultime News 

Nell’ultimo anno moltissime sono state le iniziative a favore delle imprese per favorire lo sviluppo dei sistemi di vendita online, comunemente detti e-commerce (commercio elettronico), sia nella forma classica del B2C (Business to consumer) sia nel B2B(Business to Business).

La NapoliWeb non si è fatta trovare impreparata, ed ha così messo a punto un nuovissimo software di e-commerce: E-web.

E-web è la soluzione ideale per chi desidera portare la propria attività di vendita oltre le mura del proprio negozio, e diffonderla nella rete, senza nessuna limitazione geografica! La forza di E-web infatti sta soprattutto in un sistema di URL-Rewriting (riscrittura dell’url) che consente un più facile lavoro di posizionamento sui motori di ricerca e quindi una visibilità garantita ed un ritorno non solo di immagine, ma soprattutto economico.

E-web è realizzato con le più moderne tecnologie a disposizione.
L’architettura in ASP.NET con il supporto del Framework 3.5, e l’utilizzo di moderni sistemi di autenticazione in linguaggio AJAX, facilitano di molto non solo l’operato dell’amministratore di E-web, velocizzando il processo di inserimento prodotti e consultazione degli ordini, ma anche la navigazione e l’acquisto finale da parte dell’utente.

Numerosi i clienti che hanno già deciso di affidarsi ad E-web dopo pochi mesi dalla sua uscita… e con ottimi risultati!
La profumeria Alla Violetta Boutique, senza nessuna esperienza di vendita di profumi online, ha, nel giro di due mesi, incrementato le visite al proprio sito passando da 100 accessi unici al mese a la bellezza di 3.000 accessi unici mensili!!! Con conseguenti e ovvi ritorni economici che hanno fatto di E-web un ottimo investimento.

Per approfondire l’argomento vi invitiamo ad andare sul sito del nostro software di commercio elettronico.

Share and Enjoy

  • CALENDARIO

    agosto 2019
    L M M G V S D
    « nov «-»  
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031