Il tablet è una risorsa per chi vende online

gennaio 26, 2012 da · Lascia un commento
Articolo in: Articoli, E-commerce, Ultime News 

Gli ultimi mesi sono stati caratterizzati dall’affermazione di uno strumento come il tablet, vera rivoluzione nel mondo digitale che nasconde un importante retroscena che di certo farà gola a chi è attivamente coinvolto nell’ e-commerce: si è scoperto che gli utilizzatori di tablet sono più propensi, rispetto ai navigatori “tradizionali”, agli acquisti online.
Questo perchè molto spesso il proprietario di un tablet oltre a poter trascorrere più tempo in rete – e ad essere tendenzialmente più agiato della media – è per sua natura più orientato alla piena fruizione delle innovazioni teconologiche, e non ha quindi barriere o preconcetti nei confronti dell’e-commerce.

Proprio per assecondare questa tendenza i rivenditori stanno adattando i propri siti web con versioni tablet-friendly e nuove strategie di mercato che naturalmente non riguardano solo l’iPad (vero dominatore del segmento) ma anche Android, BlackBerry Playbook e l’ultimo arrivato, il Kindle Fire.
L’interfaccia va chiaramente rielaborata del tutto, anche perchè in molti casi è necessario abbandonare la tecnologia Flash, ma anche il sistema del punta&clicca deve essere rivisto con cataloghi facilmente scorribili in interfaccia touchscreen.
Il futuro dell’e-commerce e della new economy passa necessariamente anche dai tablet!

Share and Enjoy

IPv6: una necessità pronta al lancio

La nuova versione del protocollo internet denominata IPv6 è ormai giocoforza il futuro della rete, perchè i circa 4 miliardi di indirizzi IP disponibili sulla versione 4 si stanno ormai esaurendo.
È per questo motivo che anche quest’anno si terrà la giornata mondiale dell’IPv6, prevista per il 6 giugno 2012, nella quale i siti più “forti” al mondo – Google, Facebook, Yahoo – permetteranno l’accesso tramite il nuovo protocollo per lanciare un messaggio chiaro e sensibilizzare tutti sull’ineludibilità del passaggio.

I portali saranno affiancati in questa missione sia dai più importanti provider di servizi internet che dai produttori di hardware per l’accesso al web come Cisco e D-Link.
La problematica infatti sembra da più parti trascurata o rinviata, ma la migrazione deve necessariamente avvenire quanto prima e la speranza è che proprio la presenza del nuovo protocollo su portali da milioni di visite quotidiane serva a convincere i più scettici.

La fase di test e sperimentazione di IPv6 è conclusa, il protocollo è definitivamente pronto, ed anche se nelle prime fasi si potranno avvertire dei minimi e fisiologici problemi, i vantaggi che ne deriveranno per tutti sono irrinunciabili.

Share and Enjoy

New Generation Network in Italia: un altro passo

gennaio 18, 2012 da · Lascia un commento
Articolo in: Articoli, Ultime News 

L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, nota con la sigla AGCOM, ha raggiunto l’unanimità dei voti sul provvedimento NGN, la cui sigla sta ad indicare la disciplina dei servizi di accesso alle reti di nuova generazione.
L’Agenda Digitale della Commissione Europea ha infatti posto dei vincoli, mentre l’Antitrust ha fornito i necessari suggerimenti perchè naturalmente c’è Telecom che in qualità di ex-monopolista ha un ruolo ancora preminente nella gestione della rete.

L’importanza strategica dei servizi di rete è ormai universalmente riconosciuta, e non è possibile sprecare tempo e risorse per sdoppiare una rete quando si possono comodamente trovare accordi perchè tutti investano e possano fruire delle infrastrutture Telecom, garantendo così un elevato livello di concorrenza.
Telecom, secondo questa disciplina, dovrà pertanto fornire due offerte, una sui servizi passivi che garantisca l’accesso ad altri operatori alle sue infrastrutture; ed una sui servizi attivi, riferita quindi al bitstream in fibra.

La stimolazione della banda larga è un nodo cruciale per l’economia italiana, dal momento che rispetto all’Europa il nostro ritardo è ancora ampio, e Telecom dovrà necessariamente presentare delle offerte congrue perchè l’AIIP (Associazione Italiana Internet Provider) è già sul piede di guerra per difendere le fette di mercato che vanno garantite in un regime concorrenziale ai piccoli provider.

Share and Enjoy

Send to Kindle, il plugin che mancava

Kindle è senza dubbio il lettore di e-book più famoso al mondo: il suo recente lancio in Italia lo ha introdotto come una vera rivoluzione per gli appassionati di lettura che siano al tempo stesso orientati verso le novità tecnologiche più all’avanguardia, e attendiamo i risultati delle vendite per comprendere la portata del suo impatto sul mercato dell’editoria.

Ora Amazon ha lanciato un piccolissimo software di cui in tanti sentivano il bisogno, denominato “Send to Kindle“: si tratta di un leggero plug-in per utenti Windows i quali potranno, con un semplice clic del tasto destro del mouse, inviare file al proprio dispositivo.
Il meccanismo è davvero semplice: il software crea una stampante virtuale, denominata appunto Send to Kindle, che converte i documenti che interessano – testi, presentazioni – in formato PDF, prima di spararli nella memoria dell’e-reader.

Kindle può così diventare un diario da taschino per portare con sè testi o documenti che si desidera rileggere, tenendo presente che la capacità dei dispositivi varia dai 2 agli 8 GB e che quindi non si può certo trasferire in massa una libreria digitale, ma è comunque possibile avere con sè una discreta mole di documenti digitalizzati a fruizione immediata.
Tutti i computer Windows sono attualmente abilitati al download di Send to Kindle, sono necessari requisiti di sistema davvero ridotti per farlo girare, mentre presto ci sarà la release della versione per il lato Apple del panorama informatico.

Share and Enjoy

Spedizioni gratuite: obiettivo possibile per l’e-commerce

gennaio 13, 2012 da · Lascia un commento
Articolo in: Articoli, E-commerce, Ultime News 

La Single European Payment Area è uno dei progetti al vaglio dell’Agenda Digitale: si tratta di uno strumento finanziario che dovrà tutelare i cittadini europei durante e dopo i loro acquisti online, attraverso tutta una serie di misure che vedremo nel dettaglio.

Un simile impegno è reso necessario dalla vertiginosa crescita registrata nell’ultimo periodo dall’ e-commerce, settore nel quale l’Europa sta pagando fortemente la concorrenza cinese, che con 315 miliardi di dollari in transazioni si candida a leader assoluto.
Per risollevare quindi l’economia virtuale europea dallo scarso 3,4% ad almeno un 15%, visto come valore ottimale per l’e-commerce del vecchio continente, la mossa principale è quella di tagliare i costi.

L’acquirente deve essere invogliato dalla riduzione – quando non dall’azzeramento – delle spese di spedizione, vera palla al piede per chi fa acquisti online, ma anche un’estensione del diritto di recesso è fondamentale per far sentire chi spende in rete i proprio soldi ancora più tutelato.
Altri dati accessori da includere in questa zona finanziaria virtuale, denominata come abbiamo visto Single European Payment Area, sono un limite massimo di 30 giorni per le spedizioni, insieme a dettagliate informazioni sull’attendibilità del venditore.
Già molti retailer online hanno intrapreso la strada delle spedizioni gratuite al di sopra di determinate cifre, e sembra senza dubbio questa la strategia vincente verso la crescita del fatturato da e-commerce.

Share and Enjoy

Windows 8: ecco la pre-beta

gennaio 12, 2012 da · Lascia un commento
Articolo in: Articoli, Browser, Ultime News 


Microsoft
sarà protagonista del CES 2012, il Consumer Electronic Show, dove presenterà Windows Phone 7.5 ma soprattutto la versione pre-beta di Windows 8, anticipando le novità che vedremo nella versione beta disponibile da febbraio.

Molti cambiamenti riguardano l’interfaccia Metro, che adesso contiene icone per la notifica di email, chat e i pro memoria.
Anche lo start screen ora è personalizzabile, mentre tutti i problemi relativi a mouse e tastiera che si erano riscontrati nella precedente preview sono ora stati risolti.
Naturalmente Microsoft ha presentato anche alcune novità nel nuovo Windows Explorer, con un rinnovato sistema di ricerca file, ed anche anticipazioni sul nuovo Explorer 10 e su un rinnovatissimo player multimediale.

Che altro dire, possiamo solo attendere di poter testare la Beta version a partire dal prossimo mese, quando la faremo girare sui nostri PC

Share and Enjoy

Search Plus Your World: 3 nuovi servizi su Google

gennaio 11, 2012 da · Lascia un commento
Articolo in: Articoli, Novità sul Web 


Google ha lanciato 3 nuovi servizi per la sua ricerca, che prendono il nome di “Search Plus Your World“. Si tratta di un ulteriore tassello verso l’integrazione tra ricerca e social networking, in quanto la funzione “risultati personali” permette all’utente di trovare informazioni esclusive nella sua pagina risultati; “Profili nella ricerca” invece permette di trovare tra i risultati le persone che si seguono, mentre “Persone e pagine Google+” mette in relazione argomenti selezionati con profili e pagine di G+.

Sarà possibile scegliere se visualizzare o meno tali risultati scegliendo tra le varie opzioni, ma la vera innovazione sta proprio nella possibilità di cercare un argomento e scoprire persone che ne discutono per unirsi a conversazioni o community.
Google, che ha per adesso lanciato Search Plus Your World solo sulla versione in inglese per estenderla poi a breve su quella in italiano, garantisce che naturalmente tutti i risultati personali saranno protetti a livello di sicurezza e di privacy.

Share and Enjoy

Venti milioni di dollari per Wikipedia

Jimbo Wales

Jimbo Wales

Nelle ultime settimane del 2011 Wikipedia ha come di consueto lanciato la sua campagna di raccolta fondi tramite donazioni volontarie: quest’anno, oltre a Jimbo Wales in prima persona, ci hanno messo la faccia anche tanti programmatori del progetto Wiki e persino alcuni utenti contributori tra i più attivi.

Il risultato è stato esaltante ed ha scongiurato l’allarme chiusura che era stato lanciato per la carenza di fondi, ed ancora una volta la cifra raccolta ha superato quella dell’anno precedente, attestandosi sui 20 milioni di dollari: cifra che per un progetto senza scopo di lucro e che non impiega neanche un pixel in pubblicità è una vera boccata di ossigeno.
Se si considera infatti che Wikipedia si basa solo su contributi volontari e che è disponibile in oltre 280 lingue con milioni di voci aggiornate quotidianamente, ci si rende conto dell’imponenza del progetto ormai utilizzato in tutto il mondo e dalle categorie di utenza più disparate.

Una buona fetta dei contributi proviene nientedimeno che da Sergey Brin, uno dei fondatori di Google, il quale, sensibile alla rilevanza della causa di uno dei 5 siti più visti al mondo ha donato ben 500mila dollari alla Wikimedia Foundation.
verranno così installati nuovi server, aumenteranno le garanzie legali, e tutti i benefici di cui ciascuno di noi usufruisce saranno salvi, almeno fino alla…prossima campagna di sensibilizzazione.

Share and Enjoy

Microsoft resterà leader del mercato

Microsoft non si trova in una fase di stallo economico, come sostengono in molti a causa degli attacchi che sta subendo su più fronti: il report di 44 pagine pubblicato da bernstein Research dimostra con previsioni a lungo termine come minacce come i tablet, gli altri sistemi operativi o il cloud computing non possano mettere in discussione la posizione di primo piano del colosso di Redmond.

Tuttavia, sembra che Microsoft voglia affrontare l’offensiva sul piano dei tablet proprio con il nuovo sistema operativo Windows 8, che potrebbe insidiare Android e Ios specie se molte applicazioni migreranno verso la nuova piattaforma.
Va però tenuto presente che i tablet non sono da considerarsi un vero avversario dei PC, in quanto la maggior parte dei 200 milioni di unità vendute che si prevedono per il 2014,  andrà ad affiancarsi alla tecnologia tradizionale e non sarà ad essa alternativa.

Share and Enjoy

100 patch tonde nel 2011 per Microsoft

gennaio 3, 2012 da · Lascia un commento
Articolo in: Articoli, Ultime News 

In data 29 dicembre Microsoft ha fatto cifra tonda per quanto riguarda le patch di aggiornamento, rilasciando la numero 100 che ha risolto un problema di vulnerabilità su Microsoft .NET Framework; la minaccia è sembrata abbastanza concreta agli ingegneri di redmond tanto da anticiparne il rilascio, inizialmente previsto per il 2012.

Si tratta quindi di una patch critica, per cui si consiglia l’installazione immediata, mentre il primo bollettino di sicurezza per il 2012 è previsto per il 10 gennaio.

Share and Enjoy

  • CALENDARIO

    settembre 2017
    L M M G V S D
    « mag «-»  
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930