Le bellezze della costiera Sorrentina

novembre 18, 2009 da · Lascia un commento
Articolo in: Articoli 

Visitare Sorrento e la costiera sorrentina offre l’opportunità di fare un “tuffo”, oltre che in un mare dai colori esplosivi, anche in un mondo ricco di tesori antichi, tradizioni gastronomiche e folkroristiche.

Così come secondo una leggenda, il nome Sorrento si potrebbe ricollegare alle mitologiche sirene omeriche che incantarono i marinai , è bello farsi avvolgere dalla magia dei suoi dintorni meravigliosi, dal clima tipicamente mediterraneo e godere così il fascino di uno dei luoghi più belli d’ Italia, dai profumi inebrianti degli alberi di limoni o aranci, dai colori argentei degli alberi di ulivo e dalle spiagge e baie incantate.

Da non trascurare quindi il fascino delle bellezze naturali: area protetta di punta campanella, scoglio del Vervece, arcipelago de “I Galli”, Marina della Lobbra etc.

Che dire poi dell’atmosfera mistica che si crea in vari periodi dell’anno quando le stradine di molte località costiere sono attraversate dalle caratteristiche processioni ( famosa quella degli “incappucciati” durante la settimana santa) o animate dalle sagre o spettacoli teatrali e musicali.

Della tradizione gastronomica poi non si può trascurare il famoso limoncello, la pizza a metro ( vico equense) gnocchi alla sorrentina, formaggio del monaco e spaghetti alla nerano.

Per fare fronte a tutte queste prerogative la penisola sorrentina offre sul suo territorio una vasta scelta di sistemazioni in Bed and breakfast a sorrento e in tutta la penisola per offrire ad ogni visitatore la possibilità di sceglierela soluzione più comoda e conveniente per poter così apprezzare non solo le bellezze naturali del posto, ma anche le tradizioni e la cultura.

Share and Enjoy

Pastori Napoletani, le tradizioni e le curiosità nel capoluogo campano

novembre 4, 2009 da · Lascia un commento
Articolo in: Articoli 

La costruzione di un presepe nel napoletano è una delle piu antiche caratteristiche dell’artigiano e della cultura partenopea. Presepe derivante dal latino praesepe che vuole dire mangiatoia vede la sua realizzazione proprio intorno al cosiddetto “ scoglio” (struttura base in sughero) su cui si adagiano scene con casette botteghe stradine e montagne animate dalla presenza di statuine in terracotta: i famosi pastori napoletani.

Queste raffigurano oltre ai personaggi religiosi della natività dal 600 in poi anche scene di vita quotidiana fino ad arrivare ai tempi d’oggi con la presenza di pastori raffiguranti personaggi del mondo della cultura del mondo e della politica ( maradona, berlusconi etc etc)

Dove trovare tutti questi famosi pastori?

Certamente a san gregorio armeno: la strada celebre in tutto il mondo per la presenza in queste stradine ( che si incrociano con i Decumani ) di innumerevoli botteghe dove l’arte presepiale si tramanda di padre in figlio.

Fin dai primi di Dicembre le stradine pullulano di bancarelle coloratissime cariche di pastori di terracotta dipinti a mano o pastori alti anche 30 cm con abiti in stoffa cuciti su misura. L’offerta è quindi tanto ampia che risulta impossibile, dopo aver curiosato fra tanto colore e vivacità, uscire da queste stradine senza avere acquistato qualche pastore in piu del previsto.

Share and Enjoy

  • CALENDARIO

    luglio 2017
    L M M G V S D
    « mag «-»  
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31