Sui tablet si fa largo l’alta risoluzione

ottobre 29, 2013 da · Lascia un commento
Articolo in: Articoli, Hardware, Ultime News 

In questo 2013 abbiamo assistito a grandi e sensibili miglioramenti nel settore dei tablet, che hanno coinciso anche con appetitose politiche low cost.

Le migliorie riguardano soprattutto l’alta risoluzione, un tema comune un po’ a tutti i marchi principali, che ha visto ad esempio la Apple lanciare il suo display retina sia sull’iPad che sulla sua versione mini: con 2048×1536 pixel, la definizione con cui si visualizzano pagine web, immagini e testi è praticamente doppia rispetto al passato.
In realtà altri marchi sono arrivati prima di Apple per quanto riguarda i piccoli dispositivi: Google si è appoggiata ad Asus per il suo Nexus 7 modello HD, e la stessa Asus ha lanciato il MoMo Pad anch’esso HD, a costi decisamente inferiori rispetto a quelli della “mela morsicata“.

Il marchio di Cupertino si pone ancora in posizione privilegiata per la stabilità e l’organizzazione del suo sistema, tuttavia se l’uso di un device è abbastanza standard e senza particolari stress (lettura delle mail, navigazione, anche qualche videogame) l’Asus risponde benissimo alle aspettative anche grazie ad ottime batterie ed un buon Android 4.2.
Pagare circa 200 euro in più per prestazioni non necessarie e finiture più eleganti ci sembra onestamente poco logico.

Per chiudere, scopriamo che anche il Kindle Fire HDX di Amazon viene sfidato sul terreno dell’alta risoluzione dal nuovo Kobo Arc, l’e-reader legato al marchio Mondadori, che abbassa i prezzi e sfodera anch’esso lo schermo HD.
In questa guerra tra tablet una cosa è certa: ne stanno beneficiando soprattutto gli utenti, i quali ottengono prodotti sempre migliori con prezzi che continuano a calare.

Share and Enjoy

Twitter e facebook sempre più in linea con iOs 7

I due principali social network, Facebook e Twitter, non potevano certo evitare di essere quanto più in sintonia con il sistema operativo dei device Apple, quell’iOs 7 che controlla iPhone ed iPad e che sta raggiungendo livelli di diffusione elevatissimi.
Così anche le apposite app, studiate per far girare al meglio queste reti sociali sui dispositivi mobili di Cupertino fanno in modo da essere accessibili in maniera elementare.

Il primo è stato Twitter, che ha subito modificato il design della sua app per avvicinarsi ad iOs: l’ultimissimo suo aggiornamento si è rivelato molto più veloce ed anche in grado di allargare di molto i propri confini, integrando al meglio tutti i contenuti condivisi.
Non poteva certo restare indietro Facebook, che ha rivisto la sua app per iOs 7 per renderla ancora più in sintonia con il mood di casa Apple.

Dati e valori, contenuti e notizie: tutto diventa oggetto di conversazione e sviluppo in tempo reale, secondo la pratica della social discovery, il miglior modo possibile per essere al passo con i tempi e conoscere subito tutte le ultime tendenze.

Share and Enjoy

Windows 8.1, atteso a lungo e finalmente disponibile in italiano


Sappiamo bene dopo averlo testato e stressato sui nostri computer che con Windows 8 la Microsoft ha fatto un passo in parte rischioso, cercando di coniugare in un unico sistema operativo controlli tattili per computer di ultima generazione e quelli più tradizionali. L’equilibrio non è stato facile da raggiungere ma adesso ottiene un grande aiuto dall’aggiornamento a Windows 8.1, un incremento dell’ultimo sistema operativo di Redmond che lo migliora e aggiunge delle funzioni: dalla scorsa settimana è disponibile per il download e l’installazione anche nella versione italiana!

L’interfaccia è la prima novità che si nota: ritorna infatti il pulsante “Start“, assenza di cui in molti si sono lamentati, ma con funzioni leggermente differenti perché non porta più ad un semplice menu, ma alla gestione centrale della macchina.
Una modifica richiesta a gran voce dagli utenti è poi stata effettuata: ora si può settare l’avvio del sistema operativo con approdo diretto al classico desktop, senza forzatamente passare per l’interfaccia moderna.

Windows 8.1 è un aggiornamento più che necessario perché adesso attenua il confine tra i dispositivi mobili-touch e quelli desktop: l’operazione touch ormai non è più una spiazzante novità ma è diventata ordinaria, eppure la modalità desktop mantiene una sua profonda ragione di esistere.
Con Windows 8.1 si è riusciti a farle coesistere in maniera ancora più armoniosa, grazie soprattutto ad una più ampia possibilità di personalizzazione, con rapidissimo passaggio da un ambiente all’altro.
In Windows 8 c’erano insomma delle piccole lacune: con 8.1 Microsoft punta a recuperare chi se ne era allontanato ed anche a conquistare gli scettici iniziali.

Share and Enjoy

La politica rampante di Amazon tra i tablet

Amazon punta fortissimo sul suo Kindle, al punto da non accontentarsi più di essere uno dei campioni di vendite insieme ad Apple. Una sfida aperta, iniziata sia con una nuova versione rigenerata del Kindle Fire HD ma soprattutto con un nuovissimo prodotto che aggiunge solo una lettera al nome ma che in realtà rivoluziona l’hardware, il Kindle Fire HDX.

Ma andiamo con ordine: l’e-reader che già conosciamo è stato potenziato nella sua versione da 7 pollici con un nuovo processore dual-core da 1.5 Ghz che ne amplifica le prestazioni ma anche con un nuovo display: il tutto, ad un prezzo più basso della precedente versione!
La grande rivoluzione è però, come dicevamo, il Fire HDX: nella versione con schermo da 8,9 pollici troviamo un display UltraHD da ben 2560×1600 pixel, e che con il suo processore da 2.2 Ghz – e i 2 GB di Ram – si presenta come device altamente prestazionale che non è più catalogabile come semplice e-reader ma è un tablet a tutti gli effetti, con tanto di doppia fotocamera, wi-fi e 4G.
La sfida lanciata al Nexus 7 è più che evidente, mentre la sua versione 7 pollici ha chiaramente risoluzione più bassa, è un po’ più leggero ed ha un’autonomia inferiore, anche se di poco.

La politica di Amazon è evidente, con l’ambizione di non essere più soltanto simbolo e leader tra i lettori di e-book ma anche validissima alternativa ai tanti rivali quali i-Pad, Samsung o Nexus.

Share and Enjoy

Debutta Pinterest in italiano

La recente Settimana della Moda di Milano è stata la migliore occasione per il debutto sul web della versione in italiano di un social network come Pinterest, che ha saputo conquistare uno spazio importante, essendo dedicato a scatti fotografici che sempre più spesso riguardano proprio il mondo della moda e del design.

Le aziende riescono così ad allestire degli album interi tutti da sfogliare, costituiti per l’appunto da “pin“, punti di interesse che possono essere condivisi tra gli utenti.
È molto forte infatti l’interazione tra questo social network ed i più famosi Facebook e Twitter, e le piccole e medie imprese hanno così trovato un veicolo pubblicitario a costo zero che permette loro di mettersi in luce.

Share and Enjoy

  • CALENDARIO

    luglio 2017
    L M M G V S D
    « mag «-»  
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31